Terapia Intensiva Cardiochirurgica

Responsabile: Dott. Roberto Agostinelli

Reparto
Caposala

Cristini Stefania

Contatti telefonici

030.6859373

 
  • EQUIPE
  • ATTIVITÀ CLINICA

    L’attività clinica prevede la gestione del paziente sottoposto ad intervento cardiochirurgico incluse le valutazioni della attività vitali del paziente e la loro ottimizzazione.
    Il paziente viene preso in carico dall’UO al termine dell’intervento.
    Le attività critiche dell’ UO prevedono la valutazione dei parametri clinici salienti del paziente e l’ottimizzazione degli stessi nel corso del periodo post-operatorio. L’attività della UO termina quando le condizione cliniche del paziente consentono il trasferimento dello stesso in raparto di degenza cardiologica.

  • INTERVENTI

    Gli interventi di valutazioni del paziente sottoposto ad intervento cardiochirurgico sono quelli previsti delle più moderne ed aggiornate conoscenze medico-scientifiche su questa particolare tipologia di pazienti.
    Le attività e gli interventi svolti sui pazienti sottoposi a recente intervento cardochirurgico sono quelli previsti dalla più aggiornate linee guida del caso.
    A questo si affianca la particolare competenza clinica del personale medico e non medico che è attualmente impiegato nella UO in oggetto, considerata l’alta criticità delle attività da svolgere nell’area clinica quale quella in oggetto.

  • ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA

    L’UO in oggetto ha svolto in passato, ed è tuttora coinvolta, in attività scientifica di ricerca finalizzata allo studio della protezione del miocardio durante interventi cardiochirurgici e delle basi molecolari di tale danno.
    I risultati di tali ricerche sono stati pubblicati su importanti riviste internazionali.

  • RICERCA

    L’attività di ricerca della UO in oggetto avviene in collaborazioni con importanti Università e centri di Ricerca nazionali ed internazionali.
    Le ricerche attualmente in atto sono finalizzate alla identificazione dei momenti fisiopatologici molecolari del danno da circolazione extracorporea in pazienti anziani e con sindrome metabolica. Particolare attenzione sarà indirizzata verso le modificazioni di molecole, proteine e geni coinvolti nei processi di signalling endocellulare, sia del miocardio sia di altri tessuti quali l’adiposo ed il muscolare, nella genesi della malattia di base e del danno cardiaco.

X